Cose da fare a Portovenere

Quali sono le cose da fare a Portovenere? Quali specifiche zone caratteristiche è possibile visitare? In una località turistica piena di attrazioni di ogni tipo, c’è davvero l’imbarazzo della scelta.

Ecco una selezione di località, borghi, monumenti e luoghi tipici da visitare in un luogo che offre momenti indimenticabili, sotto ogni profilo.
Quando si visita una località turistica ricca di attrazioni come l'antico borgo marinaro di Portovenere, è consigliato organizzare una vera e propria lista di interessanti luoghi da visitare e da vedere, dai quali è possibile rimanere letteralmente affascinati.
Portovenere è una località turistica molto conosciuta ed apprezzata: insieme alle isole Palmaria, Tino e Tinetto, ed alle note Cinque Terre, è considerata Patrimonio dell’umanità dell’UNESCO, ed offre delle vere e proprie attrazioni turistiche non solo per quel che riguarda il fattore ludico e legato al divertimento, ma anche dal punto di vista della storia, delle tradizioni, della cultura e dello sport.
Per questo motivo, anche se a prima vista si è solo interessati a godere del mare e delle bellezze dei panorami offerti dai terreni scoscesi di questa località, chi visita Portovenere non può fare a meno di recarsi a visitare le dieci più belle attrazioni di questo paese.
1) Una di queste è la Chiesa di San Pietro, edificata tra il V secolo e il XIII secolo: si tratta di un’architettura religiosa in stile gotico, molto caratteristica e peraltro nota per essere il ‘cristiano tempio’ di cui parla Eugenio Montale in una delle sue poesie. La chiesa di San Pietro infatti costruita sui resti di un'antico tempio romano dedicato a Venere di cui è possibile edere alcuni resti visitando l'interno della chiesa. Si trova su uno sperone di roccia a strapiombo sul mare: la vista dalle trifore e dai balconcini in pietra è mozzafiato.
2) Tra le altre cose da fare a Portovenere, una delle attrazioni davvero splendide e degne di menzione è la grotta Arpaia (detta anche Grotta Byron) al tramonto: si tratta di una insenatura, legata ad uno sperone di pietra, che regala suggestivi e romantici momenti per chi vuol godere di un panorama davvero sublime.
3) Ma cosa vedere a Portovenere, oltre i suggestivi borghi storici e colorati, le architetture religiose, le viuzze strette e le case alte e piene di colori? Tra le altre cose da fare a Portovenere,  non manca la possibilità di noleggiare un’imbarcazione per visitare la Palmaria, effettuare il giro delle isole o dirigersi verso le spettacolari calette sparse prima delle Cinque Terre
4) Gite in traghetto. Da non perdere assolutamente è il Giro delle Isole e le Gite per Cinque Terre: Monterosso al Mare, Vernazza, Corniglia, Manarola, Riomaggiore, sono, appunto, cinque località da visitare, ricche di caratteristiche geografiche particolari, ed una delle attrazioni turistiche della Liguria più note ed apprezzate in tutto il mondo.
5) Oltre alla domanda su cosa vedere a Portovenere, bisogna anche rispondere alla domanda che riguarda le altre attrazioni religiose del luogo: tra le architetture militari degne di menzione, si ricorda il Castello Doria, una fortezza oggi considerata come una delle più grandi e famose architetture militati della repubblica di Genova.  Tra le altre architetture militari, si ricordano anche la Torre Scola, il Forte Cavour, la Fortezza del Varignano.
6) Rimanendo in tema di architetture, una tappa obbligata è senza dubbio il Santuario di Madonna Bianca, una delle attrazioni più caratteristiche a livello religioso ed anche storico-artistico: la Chiesa parrocchiale fu edificata dai Genovesi intorno al XII secolo, con un iniziale stile romanico, e successivamente venne restaurata – e vennero effettuati diversi cambiamenti - intorno alle fine del Cinquecento. In questa Chiesa, è possibile vedere oggetti sacri ed arredi sacri del XVI secolo.
7) Tornando in tema di aree naturali da visitare, sono ancora degne di menzione le grotte: oltre alla famosa Arpaia, una delle più interessanti è la grotta Azzurra, semi-sommersa e raggiungibile per mezzo di imbarcazioni. Vi sono, poi, la Grotta dei Colombi e la parete del Tino, cala Piccola e cala Grande, e la secca di Dante. La più famosa rimane comunque la grotta Byron, il cui nome proviene dal noto poeta e Lord inglese che visse alcuni anni a Portovenere per trarre dalla natura tragica e selvaggia di questi luoghi ispirazione per le sue opere.
8) A proposito di Lord Byron, i più romantici possono dedicarsi una serata incantevole con una cena al tramonto al Lord Byron, un ristorantino sul porto dove è possibile godere di una vista della coloratissima palazzata del borgo mentre il sole, ormai alle spalle del paese infuoca il cielo. Rinomato per essere adatto a tutte le tasche è uno dei locali dove è possibile gustare i piatti tipici del luogo, in particolare i muscoli ripieni, ma anche piatti a base di carne o pizza.
9) Una tappa imperdibile adatta ai più sportivi,  sono i Parchi. Il Parco Naturale Regionale di Porto Venere e il Parco nazionale delle Cinque Terre. I due parchi sono contigui: adatti agli appassionati di natura, ma anche per chi vuole fare un’interessante esperienza di trekking o snortling.
10) Tra gli eventi più interessanti della località, si ricorda la tradizionale processione della Madonna Bianca  che avviene ogni anno, il 17 agosto: questa processione attraversa le viuzze del borgo che, per l’occasione, vengono decorate ed illuminate, mentre sul promontorio di Punta San Pietro vengono applicate delle fiaccole romane, e l'atmosfera diventa magica.

Nessun documento trovato.

Showing 0 - 0 of 0 Articles